Come gestire la suocera invadente

Ebbene si, potrà sembrare "politicamente scorretto" ma questo blog è nato per essere autentico e vogliamo parlare anche di argomenti scomodi, che magari altri non affrontano temendo di perdere consensi, e uno di questi è sicuramente la temuta suocera :) La verità è che vogliamo prendiate questo post con leggerezza, anche se il problema è reale, l'idea infatti nasce dalla nostra esperienza personale avendo visto tantissime suocere nel nostro lavoro e altrettante spose che ci hanno chiesto aiuto!

Nonostante questa cattiva fama sia ingiusta, (io in primis sono molto fortunata ad avere una suocera molto discreta ed affettuosa), la cosa certa è che molte donne hanno difficoltà ad avere un buon rapporto con la suocera. Dopo 20 anni di ricerca, la Dottoressa Terri Apter ha appurato che più del 60% delle donne affermano di avere una relazione ostile e difficile con la madre del proprio partner. Il 55% delle suocere, invece, affermano di sentirsi a disagio in presenza delle nuore. Suocere e nuore spesso non vanno d'accordo perché alla base del loro rapporto c'è la relazione che entrambe hanno con il figlio/compagno e la gestione della vita familiare. Ci sarebbe moltissimo da dire su questo argomento, (a tal proposito vi consigliamo un breve ma interessante intervento del professor Morelli qui ) ma noi vogliamo parlare in particolar modo della suocera invadente che ci complica i preparativi del matrimonio.


Quando l'abito da Sposa lo paga lei


Siamo molto grate che nostra suocera voglia regalarci l'abito da sposa (in molte zone d'Italia lo si fa per tradizione), ed è doveroso ricambiare con un pieno coinvolgimento nella scelta dello stesso, ma non per questo dobbiamo snaturarci per farla felice! Il primo problema è la differenza di età e quindi di gusti: la visione dell'abito da sposa di mamme e suocere di solito è molto più tradizionale della nostra, che invece vorremmo qualcosa di speciale ma più cool.

Se alla prova abito la suocera è sempre lì a dire la sua in modo critico distruttivo (ad esempio è troppo scollato, è troppo corto, troppi ricami, pochi ricami, troppo pizzo, meno pizzo etc...) ne conseguono due reazioni, a seconda della nostra personalità e del rapporto che abbiamo con lei:

La sposa soccombe, ha sensi di colpa perché sa che a pagarlo è lei e sente di doverla accontentare a tutti i costi. Qualche volta è la suocera che glielo fa pesare apertamente, anche se sotto forma di battutina buttata lì, del tipo: " beh, in fondo lo pago io il vestito, deve piacere anche a me! " e finisce ovviamente che la sposa si accontenta pur di accontentare. Spesso per sfinimento.

L'altra reazione è opposta, la sposa è aggressiva e le risponde male davanti ad estranei, ricordandole che la sposa è lei e che l'abito lo decide lei. Si crea così un clima imbarazzante, ostile e negativo, rovinando un momento che dovrebbe essere emozionante e bellissimo, che capita una volta sola.

Ecco secondo me nessuna delle due reazioni è quella più saggia: come per tante altre cose, l'equilibrio sta nel mezzo. Come detto prima, coinvolgerla nella scelta dell'abito è doveroso in questo caso, ma è meglio evitare i conflitti aperti. Cerchiamo di mettere delle regole chiare e precise, magari parlandone prima di andare in Atelier e facendole capire con gentilezza e rispetto, che per noi è importante sentirci a nostro agio nell'abito e che abbiamo gusti diversi. Durante la prova accogliamo i suoi suggerimenti ma restiamo ferme sulla nostra volontà. E' ovvio che ci piacerebbe accontentare tutti, specie la suocera, e se ci riusciamo ben venga, ma è importante restare fedeli alla nostra personalità, alle nostre esigenze e alla forma del nostro corpo. Se i gusti non si incontreranno, pazienza, se ne farà una ragione, in fondo per lei dovrebbe contare solo la vostra felicità.

L'aggravante è la questione del budget, il mio consiglio è di chiarire serenamente e bene con la suocera che cifra pensa di disporre per l'abito prima di andare in Atelier, in modo da non trovarvi in situazioni imbarazzanti davanti ad estranei.

Stabilito ciò, potrete chiedere di provare solo gli abiti che rientrano in quel budget, o se ve lo farete fare su misura, fatevi creare dei modelli che rientrino in quella cifra.

Se per voi è molto importante non sentirvi condizionate, dite chiaramente alla suocera che il resto della spesa l'affronterete voi, così sarete libere di provare ciò che volete o di farvi creare l'abito dei vostri sogni.


Nel caso vi proponga il suo abito da sposa invece, e non dovesse piacervi anche modificandolo, potete dirle con sincerità ma dolcezza, che non fa proprio al caso vostro e che pensavate ad uno stile diverso, sebbene sia stato un bellissimo abito, per la sua epoca.



Affidatele progetti suoi


Una suocera invadente (anche se in buona fede) inevitabilmente metterà bocca su tutto il resto dell'organizzazione del vostro matrimonio e difficilmente la distoglierete! Vale sempre la regola di cui sopra: cerchiamo di essere rispettose ma chiare: il matrimonio è il nostro ed è davvero importante per noi che sia come lo desideriamo. Cerchiamo allo stesso tempo però di essere umili e di prendere anche i consigli da "mamma" a cui noi giovani spesso non pensiamo, e fidatevi che ce ne sono! Coinvolgiamola sempre, facendole vedere quello che abbiamo scelto e soprattutto affidiamole qualche compito di cui occuparsi in modo autonomo, come ad esempio i confetti per le sue amiche, che scelga quelli che le piacciono di più, oppure occuparsi del libretto messa o dell'organizzazione del buffet per il rinfresco, cose del genere... Sono aspetti che possiamo tranquillamente delegare senza il nostro "controllo", anzi, di solito sono cose noiose da fare, ed oltre a darci un grande aiuto, si sentirà utile e coinvolta.


Certo, sarebbe perfetto se ci fosse un vademecum anche per la suocera! e magari lo faremo :)

" IL MATRIMONIO AI TEMPI DEL CORONAVIRUS "

Riorganizza il tuo matrimonio in 15 giorni 

Iscriviti e scarica subito il nostro e-book​ GRATIS!

Via G. Paone, 6

04023 Formia (Lt)

Italy

© 2019 by LaDiDa'

Bohemian Atelier

Proudly Made in Italy

Home Credits: 

Valerio Pantani photography

Studio fotografico Zeno

  • White Facebook Icon
  • White Instagram Icon
  • YouTube